PADOVA 6 – FERRARA 5

Il Ferrara non riesce a fermare la corsa del Padova.

Un Padova a trazione slovena (Sloveni autori di 4 gol e 4 assist) batte il Ferrara hockey di misura chiudendo l’incontro sul 6 a 5 e riuscendo così a conservare il primato in classifica assieme al Milano.


La partita probabilmente si è risolta nel primo tempo, prima frazione di gioco che i ferraresi hanno completamente consegnato nelle mani dei padroni di casa consentendogli di andare al riposo sul tre a zero. Nei primi 25 minuti abbiamo visto quanto ci si aspettava dal Padova, ovvero una squadra molto veloce che aggredisce su ogni disco e che ha trovato nei tre acquisti sloveni degli ottimi terminali offensivi in grado di finalizzare in gol le azioni. Da parte del Ferrara invece non abbiamo visto quanto ci si aspettava per contrastare il gioco dei veneti, squadra poco energica in difesa che ha consentito ai veneti di andare in gol per ben tre volte e poco concludente in attacco, anche nelle situazioni di superiorità numerica. Nella ripresa gli estensi sono tornati in campo con un piglio diverso ed è Raffaele Zabbari a suonare la sveglia per i suoi andando in rete con un’azione personale. Passano circa tre minuti ed è la volta di Patrick Mazzarol ad andare ancora in rete e a ridurre ulteriormente le distanze. La partita si apre, i Ferrara Warriors macinano gioco ma commettono qualche distrazione di troppo che consente al Padova di realizzare il quarto Gol. I ragazzi di coach Alessio Buzzo non intendono mollare la presa ed è ancora Mazzarol a segnare e a riportare i suoi a ridosso degli avversari. Sforzo del Ferrara che però è vanificato dai padroni di casa, in gol per altre due volte. L’incontro a questo punto sembra chiuso ma ad un minuto dalla fine della partita, con Nicola Lettera prima e con Matteo Bellinipoi, i Warriors fanno due gol nell’arco di 20 secondi, tutto molto bello, ma non c’è più tempo. La partita si chiude sul 6 a 5 per i ghosts di Padova.
Sconfitta questa che lascia con un po’ di amaro in bocca e i motivi sono diversi. In primo luogo bisogna aumentare la concentrazione e ridurre le distrazioni. Se abbiamo visto che tutte le squadre fino a qui incontrate erano alla nostra portata allora dobbiamo disporci a fare risultato pieno e non più a regalare agli avversari un intero tempo di gioco.
secondariamente i ragazzi del Ferrara recriminano per due gol, a loro dire netti,ma non visti e quindi non assegnati dagli arbitri. Il primo si sarebbe infilato sotto la traversa, toccando la rete per poi uscire, il secondo invece sarebbe stato tolto dalla porta dai giocatori del Padova. Peccato ribadiamo anche perchè l’assegnazione di almeno una delle due reti reclamate probabilmente avrebbe cambiato la storia della partita, ma tant’è.
Un ultimo motivo di rammarico deriva infine dalla non disponibilità delle immagini dell’intero secondo tempo della partita e della mancata trasmissione in streaming del medesimo. Molti tifosi a casa ci hanno manifestato la loro delusione per non aver potuto seguire l’intero incontro e inoltre la disponibilità delle immagini avrebbe potuto aiutare a sedare qualche dubbio sulla regolarità o meno dei gol reclamati dai ferraresi.
Prossimo impegno per il Ferrara Hockey la final four di coppa FISR che si giocherà a Forlì il prossimo 3 Novembre.
#wearewarriors